Molla il fidanzato per fare sesso da lesbica

0
racconto erotico lesbiche tettone

Scoprire il mondo delle lesbiche in questo modo è un po eccitante, lei in vacanza dal ragazzo, doveva chiarirsi con una ragazza per un litigio precedente, si allontanano dal gruppo, l’invidia e la gelosia per quel bel ragazzo che faceva anche da accompagnatore fa fare strani atteggiamenti, un’allungata di mano, una palpata, la maglia che si solleva, lei le succhia i capezzoli…inizia a conoscere il piacere tra donne.

Ciao a tutti, spero che le vostre vacanze siano andate bene, a me si ma andiamo a noi.
In queste vacanze natalizie ho avuto modo di far pace o comunque chiarire alcune cose con una ragazza di Milazzo, dovete sapere che l’estate scorsa ci siamo quasi ammazzate…Cmq per parlare tranquillamente abbiamo lasciato il mio ragazzo in marina (una zona di Milazzo) con un amica che abbiamo in comune e sua sorella ( tranquilli non hanno fatto nulla 😉 ) e io e Laura ci siamo allontanate.

Io indossavo un vestitino corto abbastanza aderente e lei un maglioncino un po scollato e minigonna…per le nostre descrizioni anche se non stavamo facendo nulla di male abbiamo attirato molti sguardi e vi lascio immaginare le risate (io mora 167 occhi verdi 5a di seno tgl 42; lei bionda occhi azzurri 170 circa anche lei con una 5° di seno e tgl 44) anche perche mentre parlavamo, dei ragazzi si avvicinano per provarci e ci siamo divertite a lasciarli di stucco dandoci un bacio dicendo di esser lesbiche e scoppiandogli a ridere in faccia (lo so non e giusto trattare cosi le persone ma chi non l avrebbe fatto?)

Continuando a camminare fra discussioni serie chiarimenti e scherzi arriviamo alla zona del porto dove approfittando di un po di solitudine e poca luce mi do una sistemata dietro una costruzione con Laura che mi fissava. Subito dopo ci siamo sedute sempre li dietro a parlare e scopro che i suoi atteggiamenti erano tali solo perche invidiosa di me perche dice che son bella ho un bel ragazzo mentre lei era stata lasciata da poco e non si sentiva piu la stessa; cosi cominciai con le solite cose che si dicono in questi momenti tipo complimenti vari…

Lei mi fissava e intanto prese a carezzarmi una gamba, cosa che feci finta di non notare finche non arrivo al perizoma. Mi alzai davanti a lei, avevo le sue mani dentro al vestito che toglievano quel piccolo pezzo di stoffa divaricai le gambe e mi lasciai toccare sentivo le sue dita accarezzarmi il pube e entrarmi nella fica ormai bagnata, mi guardavo intorno il rischio era tanto ma eccitante, chiunque fosse arrivato alla fine del pontile avrebbe potuto vederci. La lasciai fare era dolcissima mi accarezzava il sedere alzandomi il vestito come se niente fosse mi inizio a leccare il clitoride mentre si masturbava.

Ormai le premevo la testa sulla mia fica quasi facendole un po male ero in ecstacy (o come cavolo si scrive) avevo il vestito completamente alzato con i seni in mano e le sue dita che si muovevano uno nel mio culetto e 2 in fica mentre mi leccava, venni in silenzio cadendo a terra perche mi vennero a mancare le forze, lei subito si sincero del mio stato ma una volta ripresa fui io a ricambiare il divertimento, Laura era un lago le porsi un seno che prese a succhiare mentre alzatagli la mini cominciai a toccarla.

Dopo poco ci sedemmo, lei si sdraiò, e aprendole le gambe la leccai come meglio so fare entrando la lingua il piu possibile e cercando di esser delicata ma decisa. Lei si bagnava molto facendo praticamente un lago sul muretto dove eravamo…le alzai la maglia e mentre leccavo palpavo i suoi meloni sodi con una mano e con l altra toccavo me stessa mi fermai un attimo ci togliemmo tutto e incrociammo le gambe strofinando le nostre fiche fra di loro godendo assieme in un ultimo orgasmo…subito dopo ci abbracciammo nude per sentire ogni centimetro di pelle toccarsi in quel caldo abbraccio e dopo un ultimo bacio ci rivestimmo tralasciando l’intimo (chissa chi l’ha trovato) La serata proegui tranquilla anche al momento dei saluti.

LASCIA UN COMMENTO

dodici − 3 =