Lesbo matura si eccita in piscina sbirciando la bagnina

0
bagnina lesbo racconti

Le fantasie che stuzzica Noemi quando indossa il suo costume attillato da bagnina sono davvero tante, il suo corpo ben scolpito con un bel seno in mostra viene notato dai molti uomini che frequentano la piscina dove lei lavora.

Mai però la giovane ragazza 24nne poteva immaginare di avere addosso gli occhi anche di Clorinda, una donna matura 46nne, che nelle sue fantasie aveva proprio quello di andare a letto con una ragazza. L’aveva notata perché assomigliava a una fighetta lesbo che aveva visto nei siti di lesbiche gratis come il famoso chatlesbo.com che lei frequentava per sditalinarsi assieme ad altre lesbi online.

Noemi era così diventata l’oggetto del suo desiderio e senza farsi notare ammirava le sue forme fisiche e non le era molto difficile eccitarsi quando lei era intenta a sdraiarsi sul lettino o a fare delle azioni involontarie che mostravano ancor di più le sue grazie.

Clorinda decide di dover scoprire meglio la bagnina delle sue voglie erotiche e così inizia a pensare a come fare per aver modo di vederla in tutta la sua bellezza. Rimasta in piscina fino alla chiusura ed essendo rimasta sola lei come bagnante è la matura lesbo va a cambiarsi nello stesso momento in cui lo fa anche Noemi, così da rimanere solo con lei.

Il desiderio erotico di una lesbo matura in piscina

Una volta giunta nello spogliatoio, ha potuto assistere, senza farsi notare, alla giovane ragazza mentre si spogliava e l’eccitazione non ha fatto altro che accentuarsi di molto. Così mentre la bagnina era intenta a farsi la doccia, Clorinda da poco lontano poteva ammirarla, le mani sul corpo che Noemi utilizzava per lavarsi, erano un modo in più per formulare pensieri erotici da parte di Clorinda. Immaginava che quelle mani fossero le sue e accarezzando il corpo della ragazza pensava a come lei apprezzasse questo suo modo di agire e ciò le portava a bagnarsi ancora di più, non poteva evitare di toccarsi e godere di più.

Clorinda appoggiata allo spogliatoio in cui si trovava, era completamente nuda, si masturbava e pensava all’atto sessuale che poteva realizzare con la bagnina che oramai conosceva già da diversi giorni. Non le sembrava vero che i suoi pensieri fossero così spinti verso un’altra donna e che poteva avere dentro di sè tutta questa voglia di voler far si da rendere reale tutta questa fantasia che aveva.

Masturbata in silenzio mentre guardavo la lesbo nuda

Nel frattempo il suo godimento aumentava e doveva contenere la sua voglia di gridare per gemere meglio perché a pochi passi da lei c’era il soggetto dei suoi desideri ed avrebbe potuta sentirla molto facilmente.

Così nel suo silenzio portava avanti la sua voglia di giungere all’orgasmo sbirciando quella ragazza che tanta attrazione le dava. Noemi nel frattempo aveva finito la doccia ed avvicinatasi all’armadietto dove teneva le sue cose, era ancora più vicina a Clorinda che poteva ammirare ancora di più il suo seno turgido anche se non molto grande ed un fondoschiena ben sodo che tanto avrebbe voluto sfondarle con uno strap on e dei colpi ben assestati.

Averla così vicino non faceva altro che aumentare di più la sua voglia, quando poi la bagnina è entrata nello spogliatoio accanto a lei, Clorinda si è spostata sulla parete che la separava dalla ragazza. In un certo senso, starle a così pochi centimetri le dava un senso ancora più eccitante della situazione, quando poi Noemi le rivolse la parola dicendole se il giorno dopo fosse tornata, lei rispose cercando malamente di non far scoprire cosa stesse facendo.

Noemi parlava di ciò che dovesse fare una volta uscita da lì e più parlava e più Clorinda impazziva di piacere. Trattenere l’orgasmo le era impossibile. E Noemi ormai lo aveva capito, così, con fare seducente, si voltò in modo erotico per uscire dalla stanza leccandosi le labbra prima di salutare Clorinda, lasciandola nella stanza vuota, con la figa grondante di piacere.

CONDIVIDI
Racconto precedenteLa nuova Lolita

LASCIA UN COMMENTO

19 − nove =